Remember Me
A password will be e-mailed to you.
Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.
Cancel
ilclubdei39.org

Furia (1936) DVD

Fury    

NOT RATED 92 min CrimeDrammaFilm Noir

7.9
IMDB: 7.9/10 9,998 votes

, ,

, , , , , , , , ,

Nominated for 1 Oscar. Another 2 wins & 3 nominations.

USA

226

Report error

Il primo film americano di Lang – che era fuggito da poco dalla Germania nazista – è ispirato (pare) a un fatto di cronaca e soprattutto a un’inquietante statistica, citata nella stessa pellicola: nei 45 anni precedenti, negli Stati Uniti si erano verificati più di 6.000 casi di linciaggi di massa, nella maggior parte dei quali i responsabili non sono mai stati identificati né condannati. L’onesto garagista Joe (Tracy), proprio alla vigilia delle sue nozze con Kate (Sidney), viene scambiato per un rapitore di bambini e portato in carcere nella cittadina di Strand, in attesa di giudizio. La voce del suo arresto si sparge per il paese, e ben presto la folla assalta la prigione per farsi giustizia da sola. L’edificio viene dato alle fiamme, e soltanto dopo il suo crollo si scoprirà che l’uomo era innocente. Miracolosamente scampato all’incendio, e ritenuto morto da tutti, Joe medita una crudele vendetta, facendo in modo che ventidue dei cittadini di Strand vengano processati e condannati a morte per il suo omicidio. Il titolo “Furia” può dunque riferirsi tanto alla follia omicida della massa quanto all’ira vendicativa del protagonista. Cupo thriller che il lieto fine (imposto dai produttori, fra i quali figura Joseph L. Mankiewicz) non riesce completamente a edulcorare, il film è un impietoso ritratto della provincia americana, di cui descrive la brutalità e la violenza repressa (in contrasto con la visione ottimistica e la fiducia nel popolo che caratterizza da sempre la cultura degli Stati Uniti) e la consuetudine di farsi giustizia da soli (così diffusa allora del paese, soprattutto nelle regioni del Sud e del Midwest). Sfiorando temi già trattati nelle sue pellicole tedesche (in particolare “M, il mostro di Düsseldorf”), Lang approfondisce in particolare il concetto a lui caro del potenziale assassino nascosto in ciascun essere umano (impagabile la scena del barbiere che racconta di essere talvolta preso dall’impulso di tagliare la gola ai suoi clienti), che si tratti di un singolo o di una folla (e qui la mente corre alle celebre pagine manzoniane sulla massa che agisce senza pensare alle conseguenze delle proprie azioni), un tema che tornerà a più riprese anche nei lavori successivi, da “Sono innocente” a “La donna del ritratto”. Da notare che la cagnolina Rainbow è interpretata dalla stessa “attrice” (Terry) che tre anni dopo sarà Totò nel “Mago di Oz” di Victor Fleming. La scena in cui l’immigrato rivendica di conoscere la costituzione degli Stati Uniti meglio di coloro che in America ci sono nati, avendo dovuto studiarla per ottenere il visto d’ingresso, fa evidentemente riferimento all’esperienza dello stesso Lang.

SCRITTO DA CHRISTIAN

Attenzione contenuto protetto!

Lascia un messaggio su questo articolo per accedere ai link.
Un ringraziamento o un bel messaggio di incoraggiamento saranno sempre
una fonte di ulteriore motivazione per le persone che si occupano del sito. 

I collegamenti verranno visualizzati automaticamente una volta pubblicato il commento.

Furia (1936) DVD
Furia (1936) DVD
Furia (1936) DVD
Furia (1936) DVD
Furia (1936) DVD
Furia (1936) DVD
No links available
No downloads available

Lascia un commento

17 Comments

  1. 8 Dicembre 2018

    […] sia al classico film di Fritz Lang Furia (1936), sia alle cronache contemporanee sulle sommosse razziali e sui linciaggi negli Stati del […]

Related movies